Hauner

Il nome di Carlo Hauner rappresenta un assoluto punto di riferimento per le isole Eolie.

È verso la fine degli anni ‘60, in occasione delle consuete vacanze estive alle Isole Eolie, che Carlo Hauner comincia a pensare di trasferirsi in questo luogo così affascinante, incontaminato e per certi versi ancestrale. Prima pittore e poi designer, Salina ha nei suoi confronti un’attrazione magnetica, isola unica per gli scorci che è in grado di offrire.

È qui che con il passare dei mesi si avvicina sempre più a quell’uva che i contadini della zona lasciavano appassire al sole dopo la vendemmia: la malvasia. Il passo è breve, la sua passione per il vino lo porta in poco tempo a recuperare alcuni vigneti abbandonati da chi aveva scelto di emigrare e a farli vivere di una vita nuova.

Oltre al meraviglioso lavoro svolto sulla Malvasia delle Lipari, grazie all’omonima selezione che rimane uno degli esempi più brillanti della sua tipologia, è l’intera produzione a regalare intense emozioni, tracciando in ogni vino un profumo organolettico estremamente affascinante e caratteristico della terra in cui nasce.

Le etichette prodotte sono un chiaro segnale dell’ottimo lavoro che la cantina sta facendo, rispecchiando fedelmente i dettami del territorio.

1